Quali sono i tuoi sintomi? Clicca sul tuo sintomo e leggi la risposta.

Dolore GENERALIZZATO

Dolore è GENERALIZZATO

Se il dolore è  pulsante, colpisce una delle due metà del volto, coinvolge orecchio, fronte ed aumenta la notte, può essere  riconducibile ad una PULPITE, cioè un’infiammazione della polpa del dente che in caso di carie, traumi o stimoli termici può andare incontro ad un processo infiammatorio irreversibile che condurrà alla necrosi del dente. Spesso questo dolore acuito da freddo, sostanze zuccherate, aria, aumenta di notte per un maggior afflusso di sangue alla testa, si irradia alla metà del viso corrispondente e può coinvolgere orecchio e l’area intorno agli occhi. Il dente, una volta individuato e diagnosticata la patologia mediante esami strumentali e radiografici, andrà probabilmente devitalizzato. Se non puoi recarti immediatamente dal tuo dentista tenta di calmare il dolore con antidolorifici e antinfiammatori. Se il dolore passa spontaneamente o per l’utilizzo di antidolorifici è probabile che sia intervenuta una necrosi del dente. In tal caso l’infezione non è cessata e, se non si interviene comunque potrebbe trasmettersi ai tessuti esterni del dente con ulteriore possibili successive complicazioni.

Se invece il dolore è COSTANTE ed è diffuso ad un’area o a tutta la bocca, è generalmente riconducibile ad un problema di tipo GENGIVALE: l’accumulo di placca e tartaro dovuto ad una scorretta igiene personale ed alla mancanza di controlli periodici può portare a infiammazioni gengivali e quindi a dolori di questo tipo; il consiglio è di richiedere una visita di controllo dello specialista e una seduta d’igiene approfondita.

COSA FARE

Nelle situazioni di dolore acuto evita di rimanere sdraiato e comunque utilizza più cuscini per diminuire l’afflusso di sangue alla testa.

Chiama il tuo specialista di fiducia per farti indicare come gestire gli episodi di dolore acuto.

Richiedi una visita di controllo urgente al tuo specialista di fiducia

Dolore PULSANTE

Se il dolore è pulsante e aumenta di notte è molto probabilmente riconducibile ad una PULPITE, cioè un infezione della polpa del dente che per carie, traumi o stimoli termici può andare incontro ad un processo infiammatorio irreversibile che condurrà alla necrosi del dente. Spesso questo dolore, acuito da freddo, sostanze zuccherate, aria fredda, aumenta di notte per un maggior afflusso di sangue alla testa, si irradia a tutta la metà del volto corrispondente e può coinvolgere orecchio e l’area intorno agli occhi. Una volta individuata e diagnosticata la patologia mediante esami strumentali e radiografici, il dente andrà probabilmente devitalizzato. Se non puoi recarti subito dal tuo dentista tenta di calmare il dolore con antidolorifici e antinfiammatori.

COSA FARE

Richiedi una visita di controllo urgente al tuo specialista di fiducia

Dolore o fastidio COSTANTE

Se il dolore è diffuso ad un’area o a tutta la bocca è generalmente riconducibile ad un problema di tipo GENGIVALE, l’accumulo di placca e tartaro dovuto ad una scorretta igiene personale ed alla mancanza di controlli periodici può portare a infiammazioni delle gengive e a questo tipo di dolore; il consiglio è di richiedere una visita di controllo e una seduta d’igiene approfondita.

COSA FARE

Richiedi una visita di controllo urgente al tuo specialista di fiducia

Dolore QUANDO MASTICO

Un lieve/medio fastidio durante la masticazione può essere riconducibile ad un problema di occlusione: otturazioni, intarsi, corone appena eseguite per quanto controllate e perfezionare possono sempre creare una lieve sovraocclusione: se il fastidio passa in poche ore dopo la visita dal tuo dentista il problema non sussiste; semplicemente hai necessitato di un po’ di tempo per abituarti al tuo nuovo restauro.
Se il problema persiste recati invece dal medica per un ulteriore controllo.
Altra causa di un dolore simile può essere l’insorgenza di una FRATTURA del dente.

COSA FARE

Richiedi una visita di controllo al tuo specialista di fiducia e programma una seduta di igiene professionale.

Dolore che aumenta con la PRESSIONE e CON IL CALDO (e con il FREDDO diminuisce)

I denti necrotici non trattati o denti già devitalizzati possono sviluppare una LESIONE PERIAPICALE CRONICA comunemente chiamata GRANULOMA. Con la masticazione, la pressione esercitata su questa “sacca purulenta” sviluppa dolore particolarmente acuto tanto da rendere talvolta impossibile il semplice contatto tra i denti; spesso si ha la sensazione che il dente si sia alzato, è mobile e la gengiva può apparire gonfia o addirittura si può notare la formazione di una fistola, valvola di sfogo della lesione. Il dente, una volta accertata la diagnosi mediante esami clinici e strumentali andrà trattato endodonticamente. Per calmare il dolore lo specialista potrà prescrivere antidolorifici e antiinfiammatori.
Altra causa di un dolore simile può essere l’insorgenza di una FRATTURA del dente.

COSA FARE

Richiedi una visita di controllo urgente al tuo specialista di fiducia

Dolore quando mastico

Un lieve/medio fastidio durante la masticazione può essere riconducibile ad un problema di occlusione: otturazioni, intarsi, corone appena eseguite, per quanto controllate e perfezionate, possono sempre creare una lieve sovraocclusione: se il fastidio passa in poche ore dopo la visita dal tuo dentista il problema non sussiste; semplicemente hai avuto bisogno di un po’ di tempo per abituarti al tuo nuovo restauro.
Se il problema persiste recati invece dallo specialista per un ulteriore controllo.
Altra causa di un dolore simile può essere l’insorgenza di una FRATTURA del dente.

COSA FARE

Richiedi una visita di controllo al tuo specialista di fiducia

I miei denti si muovono

Uno o più denti hanno iniziato a muoversi, le gengive si sono gonfiate, sanguinano, alla pressione si sente dolore?

L’aumento di mobilità di uno o più denti può essere legato a più fattori:
1 – PROBLEMI PARODONTALI: la forma più grave della malattia parodontale, definita con un termine ormai obsoleto PIORREA, è legata ad una progressiva perdita d’osso e conseguentemente all’aumento di mobilità dei denti. Spesso oltre a questo segno si riscontrano gengive infiammate e arrossate, sanguinanti, gonfie e nei casi più gravi l’insorgenza di ascessi.
2 – PROBLEMI DENTALI: l’aumento di mobilità è uno dei segni riscontrabili tanto nelle fratture dentali quanto nei problemi di granulomi e di ascessi odontogeni.
Un accurato esame del tuo dentista ti permetterà di conoscere la causa del tuo problema.

COSA FARE

Richiedi una visita di controllo urgente al tuo specialista di fiducia e programma una seduta di igiene professionale.

I miei denti si scheggiano o si spezzano

Otturazioni o frammenti di denti che si spezzano sono associati a errori di MASTICAZIONE, a parafunzioni come il bruxismo o più semplicemente alla presenza di CARIE che sottominando il dente rompono la congiunzione tra il frammento perso e la base del dente

COSA FARE

Richiedi una visita di controllo al tuo specialista di fiducia

GENGIVE

MASTICAZIONE

SORRISO