Buone abitudini per risparmiare sul dentista

Gli italiani spendono in media 476,70 euro per una cura dentistica, mentre la spesa annuale media è di 740 euro circa. Differenze esistono a livello territoriale: i cittadini del Sud si discostano dalla media e spendono mediamente in un anno circa 515 euro a fronte dei 234 euro spesi dai cittadini del Nord-Ovest, i 338 euro spesi da quelli del Nord-Est ed i 275 euro spesi da quelli del Centro (dati CENSIS).

Molti si fanno illudere dal “low cost”, ma non sempre quello che sembra a buon mercato poi lo è effettivamente: “basso costo” significa quasi sempre tempo ridotto e quindi prestazioni fatte in fretta. Se il dentista “low cost” dedicasse alla cura il tempo “giusto”, il costo sarebbe lo stesso. Ad esempio l’ablazione del tartaro a 30 euro fatta in 15 minuti vuol dire pagare un costo orario dello specialista di 120 Euro. Ma in 15 minuti non si può fare una seduta di igiene efficace. Provatele entrambe in modo da farvene un’idea direttamente.

Purtroppo la crisi economica ha portato molti a rimandare le cure dal dentista, ecco un articolo a riguardo:

Ma trascurare la propria salute non è certo un buon modo per risparmiare. Anzi, proprio evitando controlli e piccole cure, si rischia di essere poi costretti ad affrontare cure più complesse, fastidiose e costose.

Ed allora cosa si può fare per risparmiare davvero sul dentista?

Ecco alcuni consigli :

  • Se vuoi veramente risparmiare dal dentista l’unica ricetta vera è la Prevenzione, la Prevenzione e ancora la prevenzione.
  • In molti ancora oggi non sanno che anche per scegliere lo spazzolino da denti occorre un minimo di attenzione, qui trovi un interessante articolo: http://www.staibene.it/scegliere_lo_spazzolino_da_denti_in_4_regole/. Inutile dire che una corretta igiene orale è fondamentale per la prevenzione e quindi per risparmiare sulle cure dentistiche.
  • Non devi farti venire le carie e le infiammazioni alle gengive, devi fare controlli e pulizia dei denti almeno 1 volta all’anno, devi pretendere controlli accurati con occhialini ingranditori: il dentista a occhio nudo può non vedere molte microlesioni, che se non tenute sotto controllo diventeranno carie.
  • Se devi eseguire delle cure, chiedi sempre almeno una seconda opinione.
  • Chiedi a chi ti visita un controllo completo, una diagnosi anche scritta, per capire davvero se ci sono dei problemi e poi confronta le diverse valutazioni.
  • Non farti ingannare da proposte economiche apparentemente convenienti: controlla quanto tempo il professionista ti dedica effettivamente, controlla il tipo di materiali che utilizza. E fatteli esplicitare in un preventivo scritto.
  • Se ti dicono che hai una carie, chiedi di mostrartela con la telecamera intraorale.
  • Chiedi una garanzia di durata della prestazione: la cura per una carie deve essere garantita almeno 3 anni, una protesi almeno 5, un impianto anche a vita. Garanzia vuol dire che se qualcosa non funziona devi avere la prestazione rifatta gratuitamente. E chiedi che tale garanzia sia anch’essa messa per iscritto.