Gli attacchi acidi sono la principale causa della carie: quando gli zuccheri reagiscono con i batteri della placca vengono generate sostanze acide che intaccano lo smalto. Quando gli attacchi sono frequenti (per assunzione frequente di zuccheri durante la giornata) lo smalto viene con più probabilità intaccato e si forma la carie.

Le soluzioni per prevenire le conseguenze degli attacchi acidi sono:

  • ­Ridurre la frequenza di assunzione di zuccheri durante la giornata
  • Evitare alcuni cibi
  • Spazzolare i denti dopo ogni pasto

Il maggior danno allo smalto deriva da un’alta frequenza degli attacchi acidi, pertanto più ancora della quantità di zuccheri è importante diminuire la frequenza degli attacchi e quindi la frequenza con cui assumiamo zuccheri durante la giornata.

Inoltre l’assunzione di cibi e bevande dolci sottopone i denti ad attacchi acidi. In particolare l’assunzione di cibo zuccherato stimola un attacco di acidi per circa un’ora: per questo motivo sarebbe meglio concentrare cibi con queste caratteristiche o comunque gli snack dolci soltanto nei pasti e fare uno spuntino con un alimento che non contenga zucchero. Anche la frutta contiene zuccheri che danno luogo alla produzione di acidi che, però, risultano dannosi solamente se i quantitativi di frutta consumati sono eccessivi. In ogni caso dopo aver consumato un cibo con zuccheri lontano dai pasti sarebbe meglio assumere una sostanza alcalina come il formaggio per una corretta compensazione.

Allo stesso modo dei cibi, anche le bevande gasate e zuccherate andrebbero evitate. A queste sarebbe meglio preferire acqua liscia, latte o eventualmente succhi di frutta senza zucchero.