Per avulsione traumautica si intende un dente che esce dalla cavità dell’osso dove è alloggiato a causa di un trauma subito, come ad esempio un colpo. Questo sono episodi che possono verificarsi con una certa frequenza in alcuni tipi di sport.

Agendo tempestivamente e nella maniera corretta è possibile ripristinare il dente nella posizione originaria. Innanzitutto non bisogna farsi prendere dal panico. Se si sta sanguinando occorre mordere un fazzoletto pulito per cercare di tamponare l’emorragia. Se è stato recuperato il dente smarrito dovete detergerlo, se sporco, con latte e un panno pulito senza però prenderlo per la radice; non utilizzare acqua o disinfettante; prendere il dente per la corona e inserirlo fermamente nella radice; stringere con un fazzoletto per circa 20 minuti.

Se non riuscite a ricollocarlo nella sede dovete comunque tenerlo tra le guance o eventualmente immerso nel latte in attesa di ricevere le cure odontoiatriche. L’ideale sarebbe intervenire entro 30-60 minuti dal trauma.

Se invece il dente non è completo sarebbe meglio evitare di ricollocarlo nell’alveolo. Bisognerebbe verificare prima che la radice non sia stata danneggiata.

Fate molta attenzione se non trovate più il dente perché potreste averlo ingoiato.

Nel caso in cui l’avulsione riguardi un bambino tenete presente che se si tratta di un dente da latte è meglio non ricollocare il dente. Occorre tuttavia accertare se persistano nella gengiva alcuni frammenti del dente.  E’ proprio in casi come questi che i nostri centri possono darvi un’assistenza che si traduce nella salvezza o nella perdita di un dente.

Poiché come detto il più delle volte incidenti del genere avvengono durante alcuni tipi di sport, che li pratica dovrebbe utilizzare un paradenti di gomma.