Molte persone soffrono di alito cattivo o alitosi, un problema molto sgradevole che può per lo più generare imbarazzo nella persona che ne è affetta soprattutto quando si deve relazionare con altre persone.

Nella gran parte dei casi la causa è nella bocca: potrebbe trattarsi di un sintomo derivante dall’infiammazione delle gengive, (gengivite o parodontite), oppure dalla carie, una vera e propria patologia che può causare danni seri ai denti. Se si nota l’alitosi sarebbe quindi sempre necessaria una visita per accertarne la causa che potrebbe quindi essere riconducibile alla placca tra i denti o a batteri sulla lingua oppure ancora a un problema gengivale e poter quindi adottare le terapie conseguenti.

In ogni caso occorre sempre mantenere pulita la propria bocca ed aiutarsi con dentifrici specifici, spray orali o collutori. Infatti le molecole che producono il cattivo odore, i composti solforici volatili, sono prodotte continuamente dentro la nostra bocca. Questi prodotti sono in grado di mascherare questi cattivi odori, agendo sulla struttura molecolare dei composti al fine di renderli inodore.

Un’altra causa di alito cattivo potrebbe essere la xerostomia, ossia la bocca asciutta: in questi casi la salivazione è ridotta consentendo ai batteri di accumularsi. La xerostomia potrebbe essere causata dall’utilizzo di alcuni medicinali oppure dalla respirazione con la bocca aperta. In genere quando si è anziani la salivazione tende a diminuire.

Altre cause di alito cattivo potrebbero consistere in un’infezione alla gola, al naso o ai polmoni, in una sinusite o una bronchite, nel diabete oppure in un problema del fegato o dei reni. In questi casi allora sarebbe meglio rivolgersi al medico di base. Tuttavia sono pochissimi i casi in cui il problema dell’alito non dipenda da una causa interna alla bocca.

Potrebbe comunque essere di aiuto annotare i cibi che si consumano e le medicine che si prendono e consultarsi con il dentista per verificare se questi elementi possano o meno contribuire al problema. Infine tenete presente che il fumo influisce negativamente sull’alito cattivo: in questo caso l’unico rimedio è smettere di fumare con conseguenze positive non solo sulla salute della bocca ma del proprio corpo in generale.