La salute dei denti e delle gengive non deve essere mai trascurata per evitare che una patologia che può essere curata con semplicità possa causare problemi più importanti.

Ad esempio una carie che può essere curata con una otturazione, se non trattata, potrebbe intaccare il nervo del dente e portare alla sua necrosi, causando ascessi che richiedono cure canalari e capsule per rinforzare le struttura del dente. Oppure le malattie delle gengive, che possono essere prevenute e trattate regolarmente con i normali controlli di check up e le sedute di igiene, possono portare alla perdita dei denti in età più avanzata. Anche per questi motivi occorre mantenere sana e pulita la propria bocca.

Oltre alla pulizia quotidiana dei denti e a una sana dieta alimentare, una regolare visita dal dentista previene la maggior parte dei problemi che si possono avere con i denti nel corso della propria vita. Per quanto riguarda la pulizia dei denti è fondamentale avere cura dello spazio tra i denti che molte volte invece viene trascurato. Una brava igienista riesce a rimuovere la placca e il tartaro depositato sui denti e a trattare i problemi gengivali in corso, ma tutti i giorni i denti devono essere mantenuti sani e puliti.

Innanzitutto perché spazzolandoli si rimuove la placca, un lieve strato adesivo composto da batteri che, trasformando gli zuccheri in acidi, agisce contro lo smalto dentale. Se non rimossa la placca sfalda lo smalto e si generano le carie. Oppure la placca può indurirsi e formare il tartaro in prossimità del bordo gengivale provocandone infiammazioni: in questo modo le gengive si staccano dal dente. A questo punto, se non si interviene, l’osso che sostiene il dente si ritira e perde consistenza e si rischia di perdere denti sani. Le malattie delle gengive sono tra le prime cause di perdita dei denti in età adulta. La gengivite si manifesta con gengive arrossate e gonfie che sanguinano mentre si lavano i denti e si puliscono gli spazi interdentali.

Rimuovere la placca impedisce quindi la formazione di carie e mantiene sane le gengive. E’ importantissimo tenere presente che i denti devono essere lavati come minimo due volte al giorno.

Per una migliore igiene orale si possono utilizzare anche i dispositivi di irrigazione orale che consistono in un getto d’acqua che rimuove cibo e residui dai denti. Sono molto utili per chi porta apparecchi ortodontici o ponti fissi.

Anche la dieta alimentare è un fattore da tenere in considerazione per la salute della bocca. Occorre tuttavia sfatare un falso mito: gli zuccheri non provocano carie in sé e per sé. O meglio non incide la quantità di zucchero ingerito quanto la frequenza del consumo. Infatti sono necessari 40 minuti per annullare gli acidi prodotti dagli zuccheri (sia dei cibi che delle bevande). Di conseguenza sarebbe meglio ridurre il numero di attacchi degli acidi che sono conseguenza del consumo di zuccheri e quindi limitare il numero di volte in cui si assumono zuccheri nel corso della giornata.

Prevenire è sempre meglio che curare. Recandosi periodicamente dal dentista si prevengono le patologie e sarà senz’altro più facile risolvere eventuali patologie se individuate nello stadio iniziale.